MEDAGLIA DI BRONZO ALLE FINALI NAZIONALI DEI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI DI ULTIMATE FRISBEE

Fantastico filmato della manifestazione

Tornano con una medaglia di bronzo gli alunni dell’IC Como Lora Lipomo dalle finali nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi – Festa Nazionale dello Sport Scolastico che si sono svolti dal 28 al 31 maggio a Cesenatico. La formazione di ultimate frisbee composta da: Benazizi Adam, Cianfarani Alessandro, Corti Giorgia, Dolcini Mattia, Gherardi Martino, Longhi Gioele, Osculati Silvia, Pop Felipe, Sbizzera Tommaso e Scolafurru Francesca, allenata dai proff.ri Giuseppe Bosco e Roberto Palucci, dopo essersi imposta nelle fasi provinciale e regionale, ha ottenuto il terzo posto assoluto nazionale!

Quattro le partite vinte, contro le rappresentative di : Piemonte, Alto Adige e Veneto (due volte) e solo due le sconfitte subite da: Trentino e Emilia. Quest’ultima, risultata poi vincitrice del titolo, ha faticato non poco ad imporsi nell’incontro con la formazione comasca, terminato con il punteggio di 7 a 5 maturato solo nell’ultimo minuto di gioco.

Emozionante per tutti i partecipanti la cerimonia di apertura dei giochi con la sfilata delle rappresentative di tutta Italia, l’inno nazionale e l’accensione del tripode: un’esperienza unica e arricchente anche dal punto di vista sociale oltre che sportivo!

I nostri ragazzi si sono avvicinati all’ultimate a scuola, durante le ore curricolari di Ed. Fisica, si sono appassionati e con l’impegno e l’allenamento hanno ottenuto questo ottimo risultato. Alla Festa Nazionale dello Sport Scolastico di Cesenatico erano presenti più di 1000 studenti, provenienti da tutta Italia, che in questi 4 giorni si sono sfidati in tante discipline sportive, dall’ultimate al basket, dal rugby all’orienteering, dal tennistavolo al badminton.

L’ultimate frisbee è una disciplina sportiva emergente in Italia basata sullo spirit of game e il fair play. Nelle fasi giovanili si gioca 5 vs 5 e le squadre sono composte da 10 giocatori, di cui almeno 3 devono essere ragazze. Nelle prime tre mete tutti i giocatori devono scendere obbligatoriamente in campo e una giocatrice deve sempre essere tra i cinque. Non c’è arbitro, sono i giocatori a chiamare le infrazioni e ad accordarsi sulla ripresa del gioco. Al termine del game le due squadre si riuniscono abbracciati in un unico cerchio e i capitani esprimono un breve commento sulla partita valorizzando le qualità messe in campo dagli avversari.

Articolo sul giornale la Provincia